Mondo: Burka e Milaw lungo la Senna

15 Aprile 2019

I runner etiopi conquistano Parigi. De Grasse battuto sui 200 metri, volano Quincy Hall e Steven Gardiner


 

di Marco Buccellato

PARIGI, ETIOPIA 5 SU 6 - Tripletta donne e doppietta uomini nella maratona di Parigi vinta da Gelete Burka in 2h22:47 davanti alle connazionali Azmera Gebru (2h22:52) e Azmera Abreha (2h23:35) e da Abrha Milaw in 2h07:05 sul miglior iscritto Asefa Mengistu (2h07:25) e sul due volte vincitore uscente Paul Lonyangata (2h07:29). La notizia al centro mediatico è però il record nazionale della francese Clement Calvin (2h23:42), autorizzata a gareggiare solo 24 ore prima dopo le recenti vicende legate a controlli non sostenuti. Esordio del campione europeo dei 10000 metri Morhad Amdouni, ottavo in 2h09:14.

VARSAVIA, KENYA 3 SU 6 - Niente bis per il keniano Ezekiel Omullo, secondo in 2h09:49 e preceduto di sette secondi dall'etiope Regasa Mindaye Bejiga. Terzo l'altro etiope Werkuneh Aboye (2h10:42). Tra le donne uno-due keniano con Sheila Jerotich (2h26:06) sulla debuttante Antonina Kwambai (2h27:43) e la bielorussa Nina Savina (2h29:06).

ENSCHEDE, LINZ, WUHAN - In Olanda poker keniano femminile con Caroline Chepkwony (2h26:46), Rodah Jepkorir Tanui (2h27:35), e le staccatissime Jane Moraa Onyangi (2h37:15) e Alice Mogire (2h39:28). In Austria debutto opaco dell'olimpionico 2008 dei 3000 siepi Brimin Kipruto, ottavo in 2h19:23. Vittoria all'eritreo Merhawi Kesete in 2h09:06 sull'ugandese Felix Chemonges (2h09:19) e il keniano Nicholas Rotich (2h11:24). In Cina record della corsa di Andrew Kimutai in 2h10:06 e doppietta etiope femminile con Fantu Jimma (2h28:25) e Tsehay Maru (2h28:49).

IL SIGNORE DELL'ANELLO - A poco più di un anno, l'impianto indoor dell'Armory Track a New York (anello di 200 metri) ha ospitato nuovamente la miglior prestazione mondiale al coperto di maratona, per il quarto anno consecutivo. A succedere al 2:19:01 di Malcolm Richards (ieri secondo e sotto al precedente limite in 2h18:47) è ora C.J. Albertson, che ha portato il singolare primato a 2h17:59. Terzo, con la miglior prestazione europea, il britannico Andrew Lemoncello in 2h20:04. Tra le donne, solo i crampi hanno frenato Stephanie Pezzullo, in corsa per il world best di 2h40:44. Ha chiuso im 2h42:11.

IL RITORNO DI DE GRASSE - Dopo l'esordio in staffetta, ecco il primo 200 del canadese nel Grenada Invitational, che ha chiuso secondo in 20.20 dietro il britannico ex-antiguano Miguel Francis (20.16). Ritirati Gatlin e Bloomfield causa crampi. Tra i risultati, 12.81 di Evonne Britton sui 100hs, 11.20 di Shelly-Ann Fraser-Pryce e 44.92 del quartermiler di casa Bralon Taplin.

Nel lungo 8,20 del giamaicano Gayle.

HALL, McLEOD & GARDINER - Nel Gamecock Invitational di Columbia migliori crono stagionali del 400ista Quincy Hall (44.53) e della sprinter Gabrielle Thomas (11.10). Sui 100 uomini sensibile progresso di Demek Kemp in 10.03, sui 200 20.20 di Nick Gray. Esordio modesto di Tianna Bartoletta nel lungo, seconda con 6,26. In Florida primo 110hs dell'olimpionico Omar McLeod (13.29) e miglior 200 dell'anno per il bahamense Steven Gardiner (20.04). Continua l'ascesa ai vertici del polivalente JuVaughn Harrison, altista e lunghista: stavolta progredisce tra la sabbia con un salto di 8,17. In Arkansas, 5,80 di Andrew Irwin nell'asta.

TRAIETTORIE LUNGHE - Numerosi buoni risultati nei lanci: in California doppia riunione con la discobola Allman a 67,15 prima e 64,44 poi. Tra gli uomini, rientro eccellente dell'iraniano Hadadi nel primo meeting (67,19), poi battuto nel secondo (65,79) dallo statunitense nero Jagers (66,67). Peso: scatenati Jordan Geist (21,59), Chukwu Enekwechi (21,15) e Josh Awotunde (21,13) in altrettante sedi. In Europa, sorprendente 67,78 del norvegese Isene attualmente in stage in Portogallo. Oriente: la due volte medagliata mondiale del giavellotto Lu Huihui ha portato il record asiatico a 67,72 a Huangshi.

SUZUKI ESORDIO-RECORD - Il primatista mondiale dei 2km di marcia Yusuke Suzuki ha esordito sui 50km a suon di primato nazionale, centrando un 3h39:07 che toglie 40" al limite stabilito pochi mesi fa da Noda. Grandi prestazioni anche per Kawano Masatora (3h39:24), Satoshi Maruo (3h40:04), Hiroki Arai (3h43:02) e Kai Kobayashi (3h43:46). Tra le donne record nazionale anche per Masumi Fuchise in 4h19:56.

COMING SOON - Al via da domani a Abidjan i campionati africani U20 e U18, con una straordinaria fucina di talenti a iniziare dal keniano campione del mondo U20 George Manangoi, fratello dell'iridato dei 1500 metri Elijah. In pista sui 400hs anche un altro iridato U20, il sudafricano Sokwakhana Zazini. Doha, in attesa dei campionati del mondo, ospita da domenica una scoppiettante edizione dei campionati asiatici, con i team ricchi di atleti di primo piano. Nell'alto c'è Naoto Tobe, protagonista della stagione indoor. Per l'India, la campionessa mondiale U20 Das e l'oro dei Giochi del Commonwealth nel giavellotto Chopra. Infine, i Carifta Games a George Town, la più importante rassegna giovanile dei Caraibi. Attesissime le nuove leve femminili giamaicane nelle gare di velocità.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate